Contattaci

logo


Madri Figlie ed Emozioni

Madre e FigliaMadri Figlie ed Emozioni

Se una madre un pò depressa, dentro ad un matrimonio mal riuscito coinvolge la figlia nella propria infelicità, chiedendole ascolto condivisione e spesso solidarietà contro il padre… agisce bene?
Studi, ricerche ed esperienze rispondono di No.

Quando i ruoli s’invertono ed i figli vengono coinvolti e sollecitati a condividere il disordine emotivo dei genitori sopratutto della madre sono dolori.
Sono dolori fisici e psicologici che alterano i pensieri ed i comportamenti; sono traumi piccoli e grandi a seconda dell’età dei figli.
Di questa dinamica la protagonista per eccellenza è la “madre”, figura che è chiamata ad essere protettiva e rassicurante sin dall’inizio della nascita del figlio.

Oggi i ruoli genitoriali tradizionali si sono trasformati da normativi in affettivi realizzando uno stile più aperto nella comunicazione con i figli. Ciò ha portato, quindi un conseguente cambiamento anche nel rapporto tra madre e figlia.
Tutta una serie di dinamiche evolutive e sociali, da un lato hanno visto emanciparsi l’adolescente femmina dalla madre che comunque continua a confrontarsi con lei per diventare una donna adulta.
Già nella relazione fra madre e figlia quando sentiamo ripetere( con facilità ) frasi come “Sono la migliore amica di mia figlia”, insorgono sospetti per le varie inadempienze che in genere quest’affermazione nasconde. Se pòi la realtà affettiva si capovolge in una inversione di ruolo tale che la figlia diventa la confidente della madre e a volte il presunto mezzo per salvare un’unione pericolante la strada intrapresa mette a rischio tutto un processo educazionale e formativo.

In genere si tratta di una madre fragile e disorientata, sola e afflitta da un matrimonio non gratificante dove dubbi e incertezze diventano fantasmi persistenti causati da un’assenza di dialogo con il proprio partner e quando va bene da una comunicazione difettosa.

I figli e le figlie di queste madri incaute perdono in termini di sicurezza psicologica, di certezza identitaria e di una buona dose della loro innata spontaneità e schiettezza.
Si insinua in loro una resistenza ad affrontare l’età adulta e nel tempo sarà molto difficile che possano stabilire un rapporto costruttivo e adattivo sano ed equilibrato alle circostanze e al cambiamento che incontreranno.

Leave a Reply

*

captcha *